Si è verificato un errore nel gadget

martedì 21 agosto 2012

Cosa mi spetta?

Tra ieri sera e adesso ho finito il libro di cui vi ho parlato ieri - "quello che mi spetta" - in un vortice di emozioni, tensione e voglia di capire l'epilogo. Che ovviamente non svelerò nel caso in cui qualcuna di voi voglia leggerlo. Cito solo la postfazione, di Shahla Lahiji (prima donna editore in Iran),  - perché non posso fare a meno di condividerla - che finisce così, con una domanda:

"Cosa mi spetta? Cosa ho ottenuto dopo anni di sacrifici, dopo aver donato tutto, dopo la devozione per allevare i figli? Dobbiamo considerare la maternità come una spina nel fianco e dimenticare tutti i nostri bisogni emotivi? Siamo destinate a dare e a non ricevere nulla in cambio? O a morire sul nostro Golgota portandoci dietro la croce di madre che ama? Qual è la tua risposta?"

Dare per non voler ricevere nulla in cambio. Dare per amore, purché questo sia vero, sentito, voluto, rispettato. Amore incondizionato e compassione, innanzitutto per noi stessi. 
Questa la mia risposta secca, dopo un racconto così struggente e appassionato. 

nb. Il romanzo pone le sue basi nella storia politico-sociale dell'Iran negli ultimi 50 anni, quindi immaginiamo figure femminile lontane dalle nostre...ma nemmeno troppo. In fondo le domande che chiudono il libro interessano un po' tutte noi, donne di ogni luogo.

4 commenti:

  1. Alcuni libri hanno il potere di andare al di là del loro tempo e di farci riflettere su questioni attuali in ogni epoca... Queste domande, come dici tu, sono sempre molto attuali.

    RispondiElimina
  2. ciao! ma volevo chiederti alla fine avevi poi letto "50 sfumature di grigio"?!? Ne hanno stra-parlato...sui giornali, in tv, alla radio che a me è venuta la nausea, ma volevo sapere da persone che conosco che cosa ne pensano e di cosa si tratta esattamente. Grazieee!

    RispondiElimina
  3. Ciao, come va? Alla fine il libro non l'ho letto, mi sono infognata con l'ultimo di Gramellini, interessante e poi con quello di cui vi ho parlato. L'ha letto mia sorella e dice che risveglia istinti sexuali perchè è molto focused on;-) sta leggendo anche il secondo ma pare che alla fine diventi un pò peis! Insomma non un capolavoro della letteratura ma una storia avvincente che si fa leggere, un classico da cazzeggio estivo!
    Ciauuu

    RispondiElimina
  4. ciao fra', tutto ok, grazie!! a presto!

    RispondiElimina