Si è verificato un errore nel gadget

martedì 23 luglio 2013

Testa piena, testa vuota

Stasera ho la testa talmente piena, che alla fine risulta vuota. Sto impegnando un sacco di energie nel mio lavoro, sono tempi difficili e spesso demotivanti, ma la positività e l'impegno sono e saranno sempre il mio faro. Poi le bimbe e la family, di sicuro il faro più grosso e luminoso della mia intera vita. A volte mi sembra di non riuscire a dare loro tutta me stessa, sopraffatta dai troppi impegni, ma poi mi dico che ho fatto il massimo, nonostante tutto, e spero che loro mi capiscano. Oggi Alice è caduta dall'altalena, e ha battuto la nuca, io non c'ero, era a "estate bimbi". Siamo state al pronto soccorso dove, per la prima volta nella storia, è stata visitata senza attese. Dignosi positiva, traumi non evidenti; ma da tenere sotto controllo. Quindi domani a casa a riposo per valutare eventuali problemi. Mah, speriamo bene.
Mentre esco dall'ospedale vedo la mia amica Elle, la mamma di Emily, in attesa per fare alla piccola un esame di controllo: ha aspettato tutto il giorno!!! Ma dico io, puoi chiedere ad una donna fresca di cesareo e alla sua neonata di uscire di casa al mattino e star fuori praticamente tutto il giorno, con sto caldo, per aspettare di fare un esame? E aggiungiamoci anche l'ansia che una neomamma, ma anche una mamma, prova in questi momenti. Non c'è pietà, nè rispetto, solo sempre la legge del più forte. A volte sento dire "la gente si lamenta sempre", per forza, se questo è ciò che ci spetta. Sono alla difesa delle mamme, e dei loro cuccioli, di quelle che fanno i salti mortali per far funzionare tutto al meglio nonostante le difficoltà. Dateci in mano il mondo, e lo miglioreremo. Sarò una pazza, sarò una visionaria, ma sono in buona compagnia: insieme siamo in grado dilasciare questo mondo un pò migliore di come l'abbiamo trovato (cit. Baden Powell, fondatore del movimento scout).

Nessun commento:

Posta un commento