Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 11 gennaio 2013

Reclusioni di corpi e di menti

E questo è l'ultimo libro che ho letto. E mi ha davvero dato tanto da pensare. Intenso, coraggioso, a tratti duro, ma vero. Storie di reclusioni di diverso tipo, che sembrano incredibili ma che accadono davvero,  e che mostrano quanto ancora la nostra libertà sia spesso reclusa, appunto. Da una moltitudine di fattori (azioni, emozioni, cultura, pensieri, persone, scelte, ...) che ci costringono a smettere di guardare dentro di noi per "andare avanti" e non voler vedere il vero.
Il finale in positivo c'è, se lo sappiamo e vogliamo interpretare. Perchè tutto può ancora cambiare, in ogni istante, se solo ci sembra di non essere felici, o libere.
Grazie a Marilde Trinchero per aver narrato storie così, questo è un libro che ogni donna dovrebbe leggere, per capire che non siamo sole, che possiamo essere aiutate se le cose si son messe male, se stiamo soffrendo, anche, e soprattutto, se ci sembra impossibile. Condividere esperienze altrui ci fa sentire meno sole, e, a volte, può aiutarci ad uscire dal nascondiglio in cui ci siamo ficcate;-)
Quindi il mio consiglio è: leggetelo!

3 commenti:

  1. Grazie Francesca. Mi fa sempre piacere quando mi viene detto che le mie parole fanno pensare. Perché è proprio questo l'obittivo del mio scrivere. Far riflettere, e poi...ognuno sceglie per sè!

    RispondiElimina
  2. Bellissima questa tua "recensione" del libro di Marilde! Brava, Francesca!

    RispondiElimina
  3. La recensione mi ha incuriosito anche se ho la pila sul comodino da finire...però prima
    Vorrei leggere l altro libro,la solitudine delle madri...tu ce l hai o l hai letto?

    RispondiElimina