Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 8 ottobre 2012

Tornare sui propri passi

Oggi pensavo a quando si fanno scelte radicali. Tipo chiudere i rapporti, e il cuore, a determinate persone. Perchè ci hanno deluse, ferite, oppure infastidite gravemente. Poi passano gli anni, gli eventi e le cose per cui siamo state ferite e deluse non contano più granchè...Se capita l'occasione, è giusto rivedere le proprie posizioni, o è meglio lasciare che le decisioni prese restino definitive?

5 commenti:

  1. Rivedere,rivedere,rivedere!!!!!!noi cambiamo giorno dopo giorno senza che ce ne accorgiamo...da un po' di tempo a questa parte mi accorgo sempre di piu che le posizioni che avevo su certe cose o persone sono cambiate, a volte in meglio a volte in peggio perche e la prospettiva che cambia e le decisioni che in passato mi sembravano così ferme e irremovibili prendono un altra piega.

    RispondiElimina
  2. uau, argomento interessante e complicato! Sono d'accordo con Ire, mi è capitato spesso di ritornare sui miei passi, ma solo nelle amicizie. Antichi dissapori risolti con il tempo, perchè alla fine è difficile e dispendioso (in termini di energia) continuare a coltivare rancore. Quanto all'ammmore...no, lì quando si chiude, si chiude, e non sono mai riuscita ad avere un rapporto di amicizia con qualche ex fidanzato. Non so perchè, ma finita la storia, mi stanno molto sulle palle, a prescindere da chi abbia mollato chi, e non riesco proprio a tornare sui miei passi.

    RispondiElimina
  3. E' una domanda molto difficile. Mi è capitato di ricredermi su amiche con cui i rapporti si erano molto raffreddati, però le cose non sono tornate come prima. Credo che si possa arrivare ad avere dei rapporti cordiali, ma una volta che qualcosa si è rotto, si è rotto per sempre...

    RispondiElimina
  4. bella domanda...sono d'accordo con Adriana, che se in caso di riavvicinamento non è poi la stessa relazione di prima perchè qualcosa si è rotto. Purtroppo mi è capitato...eravamo molto amiche, tanto, vivevamo entrambe da sole quindi ci si vedeva spesso, poi eravamo single! Poi tutto d'un tratto forse sono stati i suoi 30 anni a cambiarla a voler cambiare qualcosa nella sua vita e ha deciso di punto in bianca che quel "qualcosa" ero io....ho provato a capire, ci siamo parlate ho chiesto fatto mille domande, senza una risposta...poi un giorno (novembre 2007)mi ha detto che appena si fosse chiarita mi avrebbe ricontattato...ho aspettato per tanto quella telefonata che non è mai arrivata...ci sono rimasta molto male e forse quando ci penso ancora ora ci rimango male, ma è finita. Quando la rivedo, perchè Alba si sa è piccola, non la saluto neanche, perchè sono arrabbiata e per me ha chiuso per sempre...e a sto punto non torno indietro su quella che allora era stata la sua decisione!! :( Fortunatamente nella mia vita sono arrivate amiche nuove e con quelle vecchie è aumentato l'AMMORE!! buona serata a tutte!!! Bea

    RispondiElimina
  5. Sempre bello vedere che ognuno di noi abbia posizioni, idee...magari se riscriverò questo post tra 20 anni daremo risposte diverse, chi può dire ;-)
    La mia risposta coincide, in questo caso, con quella di Adriana: quando un legame si rompe, poi, inevitabilmente può solo aggiustarsi, non tornerà come prima. E ricominciare mi sembra tanto rischioso quanto fuorigioco. E parlo di amicizie, perchè in ammore, se parliamo di relazioni lunghe, profonde, combattute (e io ne so qualcosa ;-)) sono pronta a ravvedermi...con nuovi impegni e presupposti. Si, perchè credo nella profonda differenza tra amicizia e amore. Intense e diversissime.
    Grazie come sempre per la vostra partecipazione alle mie elucubrazioni!
    Baci a tutte

    RispondiElimina